Lecco, quel ramo del lago di Como…



… il ricordo dei luoghi de “I Promessi Sposi” e del Manzoni nella città e nei borghi odierni: Pescarenico, affacciato sull’Adda con la chiesa e il convento di Fra’ Cristoforo, Villa Manzoni, la casa di Lucia a Olate, la salita dei bravi ad Acquate (3 ore)

Lecco, sul ramo orientale del Lago di Como, è sinonimo di Alessandro Manzoni e dei Promessi sposi, il romanzo che tutti gli Italiani hanno letto o studiato a scuola. Per ripercorrere il luoghi della Lecco spagnola dei due celeberrimi protagonisti, Renzo e Lucia, l’itinerario prende avvio dalla Torre Viscontea. Più avanti incontriamo via Bovara col Vallo delle mura spagnole, il Palazzo della Biblioteca, ex casa del governatore e Piazza Manzoni, con la statua dello scrittore e lo sfondo del Monte Resegone. A Pescarenico, il caratteristico borgo lungo la riva del fiume Adda, ci sono l’ex Chiesa e l’ex Convento di Fra Cristoforo, mentre più a monte, ad Olate, c’è la presunta casa di Lucia. Un po’ distante, ai piedi della salita dei Bravi, che conduce da Olate ad Acquate, si trova il luogo dell’incontro tra Don Abbondio e i Bravi di Don Rodrigo.
L’itinerario si conclude con la visita di Villa Manzoni nel rione Caleotto, dove lo scrittore trascorse gli anni non felici dell’infanzia e della prima giovinezza.

Completa l’itinerario manzoniano il Castello dell’Innominato (7 ore)

L’itinerario di una giornata comincia al mattino con i luoghi di Lecco legati al romanzo I Promessi sposi, compresi gli interni di Villa Manzoni, oggi interessante Museo Manzoniano. Si capirà così che il brano più celebre della letteratura italiana Quel ramo del Lago di Como che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti … nasce proprio dai minuziosi ricordi visivi del paesaggio che, da questa villa, lo scrittore vedeva. Nel pomeriggio ci si reca a Pescarenico, Olate, Acquate ed infine a Vercurago, dove in località Somasca, sorgono i ruderi della Torre del Castello detto dell’Innominato, in origine torre di segnalazione di un sistema di fortificazioni carolingio.

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page